Contributo per le spese di iscrizione e frequenza nelle scuole private

Sostegno per l'accesso a scuole non statali
Per le famiglie degli studenti iscritti a scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado non statali, parificate o paritarie, o riconosciute con titolo di studio avente valore legale, istituite senza fine di lucro, anche se situate fuori regione, c’è la possibilità di accedere al contributo, previsto dalla Legge regionale 2 aprile 1991, n. 14, per le spese sostenute per l’iscrizione e la frequenza.
La domanda per usufruire del contributo, mirato ad assicurare l'equipollenza del trattamento degli alunni rispetto alla possibilità di accedere a scuole non statali, deve essere presentata da un genitore o da chi, anagraficamente residente con lo studente stesso, ne esercita la potestà o dallo studente stesso se maggiorenne.
Il contributo è erogato sotto forma di assegni di studio, a favore di studenti residenti nel territorio regionale, per i quali la Giunta regionale provvede annualmente a fissare la misura massima. L’importo, che varia per la scuola primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado, è determinato sulla base della stima del costo medio complessivo di iscrizione e frequenza ai rispettivi corsi di studio.

Gli studenti devono inoltre appartenere ad una delle seguenti categorie:
a) cittadini italiani
b) cittadini di Stati appartenenti all’Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia ai sensi del d.lgs. 6 febbraio 2007 n.30
c) titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ai sensi del d.lgs. 8 gennaio 2007 n.3
d) titolari dello status di protezione sussidiaria ai sensi del d.lgs 19 novembre 2007 n.251
e) soggetti di cui all'art. 41 del D.Lgs. 25-07-1998, n.26

ANNO SCOLASTICO 2013-2014
Si informa che il termine per la presentazione delle domande per l'anno scolastico 2013-2014 è scaduto il 28/02/2014. 

Sono stati pubblicati gli elenchi delle domande ammesse ed escluse relative alla richiesta dei contributi per l’anno scolastico 2013-2014 previsti dalla L.R.14/91. Leggi gli elenchi pubblicati sul sito www.provincia.udine.it.

INFORMAZIONI IMPORTANTI:
Saranno effettuati controlli sulla veridicità delle dichiarazioni (art. 71 DPR 445/2000 e Regolamento provinciale per l’effettuazione dei controlli sulle dichiarazioni sostitutive) e, in caso di non veridicità, vi sarà decadenza dal contributo ottenuto e denuncia all'autorità giudiziaria (artt. 75 e 76 DPR 445/2000).

RIFERIMENTI:
Servizio Istruzione e Università
Unità operativa Diritto allo studio, orientamento e altri interventi
Palazzo Antonini-Belgrado
Piazza Patriarcato 3
33100 Udine
telefono: 0432 279412
fax: 0432 279465
email:
marzia.petricig@provincia.udine.it




Faq
Faq Contributi
Quando vengono liquidati i contributi di cui alle LL.RR. 3/98 e 14/91?

Dalla data di presentazione della domanda alla liquidazione decorre circa un anno.

Quale è l’importo dei contributi erogabili di cui alle LL.RR. 3/98 e 14/91?
L'importo degli assegni di cui alla L.R. 3/98 viene definito annualmente dalla Regione con deliberazione giuntale.
L’importo degli assegni di cui alla L.R. 14/91 viene definito annualmente dalla Regione con deliberazione giuntale in importi differenti per scuola primaria, scuola secondaria 1° grado e scuola secondaria di 2° grado ed il riparto viene effettuato a favore delle  famiglie in base alle risorse assegnate ed in proporzione al reddito del nucleo famigliare.

Sono previsti contributi a favore di studenti universitari?
La Provincia non ha competenza per l’erogazione di contributi a favore di studenti universitari.