Palazzo Antonini-Belgrado

Provincia di Udine
Palazzo Antonini-Belgrado
Piazza Patriarcato 3
33100 Udine

Centralino
0432 2791

Fax
0432 279310

Uff. Relazioni con il Pubblico
0432 279440

Posta elettronica certificata

il cercapersone.
Siti tematici.
 

PROVINCIA, ASSEGNATO A PRAVISANO IL PREMIO BEARZOT
Alla prima edizione del riconoscimento, ideato dalla Provincia di Udine, l'ex C.T. della Nazionale, Sacchi.

Si deve partire dall’educazione civica, perché bisogna avere educazione. E questo anche nel
calcio. È uno dei messaggi lanciati dal grande Arrigo Sacchi ai ragazzi delle scuole secondarie di
secondo grado di Udine che hanno preso parte oggi alla Tavola rotonda “La scuola e il calcio
giovanile palestra di vita di ieri oggi e di domani” organizzata all’auditorium Zanon
dall’assessore allo sport della Provincia di Udine Mario Virgili con la Delegazione provinciale di
Udine FIGC-LND, il Coordinamento regionale FIGC settore giovanile e scolastico, l’Ufficio
educazione fisica e sportiva di Udine, il Comitato Fiul Tomorrow 2018 e l’Associaizone panchina
verde. La manifestazione è stata anche l’occasione per consegnare il premio Bearzot a Silvano
Pravisano migliore allenatore di calcio del settore giovanile distintosi nella stagione sportiva
2010-2011. Come ha spiegato l’assessore Virgili «il premio è stato istituito quest’anno dalla
Provincia in collaborazione con l’associazione Panchina Verde in memoria del grande allenatore
friulano Enzo Bearzot. Il premio sarà assegnato annualmente al migliore allenatore di calcio
distintosi nel settore giovanile della provincia di Udine per il rigore, la coerenza e l’impegno sul
piano professionale, sociale e sportivo nella promozione, rispetto e diffusione dei valori
fondamentali tra i giovani dell’etica e della sportività. L’allenatore – ha aggiunto Virgili – è una
figura molto importante per i giovani i quali vedono in lui un punto di riferimento da seguire.
Proprio per questo l’allenatore delle giovanili deve avere precise caratteristiche per far crescere
al meglio i ragazzi. Deve essere professionalmente preparato, deve saper comprendere i ragazzi,
coinvolgendoli nel dialogo e aiutandoli ad attraversare il difficile viaggio dell’adolescenza. Egli
dunque – ha sottolineato Virgili – riveste un ruolo importante non solo in campo, dove deve
promuovere il gioco di squadra, ma anche nella crescita dei ragazzi. In una società come quella
attuale fatta di competizione esasperata, di ricerca della fama e dei risultati ad ogni costo
anche con il mancato rispetto delle regole, è importante promuovere nei giovani un’etica dello
sport basata su principi sani. E l’allenatore – ha concluso Virgili – ha questo compito».
Ospite d’onore della prima edizione del premio andato a Pravisano dunque l’allenatore che ha
guidato il Milan dal 1987 al 1991 che in quegli anni ha vinto uno scudetto, due coppe dei
Campioni, due coppe Intercontinentali, due Supercoppe europee e una Supercoppa italiana
nonché Commissario tecnico della nazionale italiana dal ’91 al ’96. Arrigo Sacchi, sollecitato dal
moderatore della mattinata Daniele Damele, ha rivolto parole molto sentite e per nulla scontate
ai giovani seduti in platea. Nitida e senza stereotipi la visione dei ragazzi di oggi da parte del
celebre allenatore attualmente coordinatore del settore giovanile per la FIGC. Sacchi ha detto
che anche bravi giocatori vengono scartati se non sono rispettosi delle regole. Purtroppo, ha
riferito l’ex ct della nazionale, molti di noi vivono il calcio come rivendicazione sociale dove a
trionfare è spesso l’arte di arrangiarsi. Ciò non incrementa di certo l’etica e la voglia di
evolversi. Per questo, ha chiosato, è necessario partire dall’educazione civica, nel suo vero
significato. Anche nel calcio.
Alla tavola rotonda hanno preso parte anche il presidente regionale FIGC Lega Dilettanti Renzo
Burelli, per la Direzione Generale del M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale il Dirigente Pietro
Biasiol, il Presidente del compitato provinciale del CONI Silvano Parpinel, Armando Ferro in
rappresentanza della famiglia Bearzot, Luciano Quoco Presidente Panchina Verde, Gianni Tortolo
Presidente provinciale Allenatori Calcio e Giovanni Messina Coordinatore Regionale Friuli V.G. –
FIGC - Settore Giovanile e Scolastico del Friuli Venezia Giulia.

Pagina aggiornata il: 07/03/2012 16.36 

A cura della Redazione Web - Nota informativa - Cookie info | C.F. 00400130308