Palazzo Antonini-Belgrado

Provincia di Udine
Palazzo Antonini-Belgrado
Piazza Patriarcato 3
33100 Udine

Centralino
0432 2791

Fax
0432 279310

Uff. Relazioni con il Pubblico
0432 279440

Posta elettronica certificata

il cercapersone.
Siti tematici.
 

PALAZZO BELGRADO: INAUGURAZIONE DEL RESTAURO CONSERVATIVO DELLE
FACCIATE DELL’IMMOBILE E DELL’EX RESIDENZA DEL PREFETTO.
280 MILA EURO L’INVESTIMENTO COMPLESSIVO DELL’INTERVENTO CHE HA RIDATO NUOVA LUCE AGLI
EDIFICI.

Palazzo Belgrado esibisce una veste rinnovata. E’ terminato da pochi giorni, infatti, l’intervento
di restauro conservativo delle facciate dell’immobile che ospita la sede e gli uffici della
Provincia di Udine. Partiti a fine settembre, i lavori sono stati effettuati anche nel palazzo ex
residenza del Prefetto in cui sono dislocati gli uffici dell’area ambiente dell’amministrazione
provinciale. Duecentottantamila euro l’importo complessivo del restauro che si è sviluppato per
fasi: dalle pulizie delle parti lapidee, al ripristino degli intonaci, alle tinteggiature finali da poco
concluse. «L’intervento ha dato nuova luce a Palazzo Antonini Belgrado, dal 1891 sede della
Provincia di Udine – ha commentato il presidente on. Pietro Fontanini oggi (martedì 15 febbraio)
nell’ufficializzare la fine dei lavori –, immobile storico e di elevato pregio artistico e
architettonico che rappresenta il cuore del governo e della gestione di un Ente attivo e presente
nella realtà quotidiana dei cittadini. E’ una dimora illustre che va conservata perché al suo
interno custodisce i preziosi affreschi di Giulio Quaglio nonché tante opere contemporanee
donate alla Provincia. Un patrimonio di storia e di cultura di cui siamo orgogliosi e invitiamo
tutti i cittadini a conoscere e apprezzare».
Soddisfazione per la realizzazione e i risultati dell’intervento, nelle parole dell’assessore
provinciale al patrimonio Stefano Teghil. «I lavori progettati dal Servizio edilizia della Provincia
ed eseguiti con cura dall’azienda Valerio Sabinot di Basiliano, secondo le indicazioni della
Soprintendenza ai beni ambientali e culturali, hanno consentito di recuperare la tinteggiatura
originale del complesso. Un’operazione di valorizzazione in particolare per Palazzo Belgrado
all’interno del quale, sono a buon punto i lavori di adeguamento edile impiantistico in corso al
piano terra (climatizzazione invernale ed estiva). Durante l’anno si procederà alla realizzazione
di controsoffitti e tinteggiature interne nonché alla riqualificazione esterna dell’edificio ex
Zanolli. Il palazzo ex sede del Prefetto, inoltre, sarà oggetto di un primo lotto d’interventi (200
mila euro) per la climatizzazione estiva dei locali. 450 mila euro inseriti nel bilancio di
previsione 2011, verranno investiti per lavori di adeguamento edile-impiantistico sull’intero
complesso, in linea con le normative antincendio e per ulteriori opere di manutenzione
straordinaria». L’auspicio dell’assessore è di poter procedere, tramite un project financing
aperto a investitori privati, anche alla riqualificazione della Caserma Duodo all’interno della
quale accorpare gli uffici dell’ente e creare così una cittadella istituzionale della Provincia.
Presenti all’inaugurazione anche gli assessori Enio Decorte, Mario Virgili, Daniele Macorig e il
Vicepresidente Fabio Marchetti nonché una rappresentanza di consiglieri (Francesco Martines,
Cristiano Shaurli, Massimiliano Verona, Ermilio Taverna, Massimo Milesi) compreso il presidente
Marco Quai.
L’intervento sugli edifici dell’ente ha riguardato le tinteggiature esterne, le pulizie dei decori e
degli ornamenti in pietra, delle pitture, delle opere in ferro esterne, prospicienti piazza
Patriarcato e viale Ungheria per Palazzo Belgrado, gli Uffici Ambiente (ex Prefetto) e la porzione
di fabbricato ex Zanolli. Dopo l’allestimento del ponteggio, sono state effettuate le operazioni
di lavaggio, rimozione delle pitture ammalorate, ripristino di cornicioni e lesene, demolizioni di
intonaci di basamento, pulitura di balaustre e dei riquadri in pietra, ricostruzione degli intonaci,
rasatura e posa di un fondo ai silicati, infine la tinteggiatura, il trattamento delle zone
interessate da umidità di risalita e la pittura delle opere in ferro. Per Palazzo Belgrado è stata
rifatta anche la copertura riguardante le falde lato ovest e sud con contestuale riposizionamento
dell’impermeabilizzazione che in vari punti presentava problemi di infiltrazioni.

Pagina aggiornata il: 21/03/2011 15.21 

A cura della Redazione Web - Nota informativa - Cookie info | C.F. 00400130308